Data Protection Officer Certificato

May 24, 2018

 

Arriva il GDPR: secondo la Scuola Internazionale di Etica & Sicurezza il Data Protection Officer dovrebbe essere una figura certificata

 

Da domani entra in vigore il GDPR e il regolamento istituisce anche la figura del DPO - Data Protection Officer, che deve vigilare sull’applicazione del Regolamento da parte del titolare o del responsabile del trattamento dei dati (articolo 37). La necessità o meno della certificazione del DPO è un tema molto caldo tra gli addetti ai lavori, il Regolamento Europeo definisce il DPO come: “un esperto che deve essere in grado di fornire consulenza al management aziendale circa le prescrizioni della legge sulla protezione dei dati personali, sorvegliando poi che esse siano correttamente applicate, fungendo inoltre da punto di contatto con l’Autorità per la privacy e con gli interessati”. Si richiede al DPO quindi di possedere ottima padronanza della materia, degli aspetti gestionali e tecnici della sicurezza dei dati e adempiere alle sue funzioni in piena indipendenza ed in assenza di conflitti di interesse; in sintesi un ruolo molto complesso con conoscenze e competenze molto ampie.

 

“Da professionisti della formazione, riteniamo che proprio il carattere di volontarietà della certificazione di ente terzo rappresenti un’opportunità per quei professionisti che desiderano assicurare un importante elemento di garanzia al proprio profilo e per le aziende che devono scegliere un professionista cui affidarsi. In quest’ottica quindi la proposta di un percorso di aggiornamento formativo ai professionisti certificati della security risulta essere per noi una risposta conforme ad una richiesta di etica e serietà di un Paese, di professionisti e di imprenditori che manifestano spesso il desiderio di propendere per una via ritenuta qualitativamente più sicura. Ma sempre di libera scelta si tratta” commenta Paola Guerra, Fondatrice e Direttrice della Scuola Internazionale Etica & Sicurezza sottolineando il valore della certificazione se si coglie la nuova norma come un’opportunità per le aziende e non semplicemente come un costo.

 

E sempre guardando le opportunità la Scuola sottolinea la crescita che questa figura professionale avrà nel futuro, una nuova strada che si apre ai giovani e a tutti quei professionisti meno giovani che vedranno aumentare le proprie opportunità professionali

Please reload

Altri articoli

October 31, 2019

Please reload

Archivio

Please reload

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • LinkedIn - White Circle
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon

GAM Education & Consulting S.r.l.
 

Corso di Porta Vittoria, 28 - 20122 Milano

P.IVA: 01801240662

Capitale Sociale € 10.000 i.v.
Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 1955623