top of page

Corporate Security
& Safety Management

PercezioneRischio.png

 AREA DI ATTIVITà

CI IMPEGNIAMO PER FARE DELLA

Sicurezza un valore

Introduzione alla Psicologia della Sicurezza e alla percezione del rischio

corso di formazione

18 aprile 2024

Perché le procedure e le contromisure di sicurezza non vengono rispettate? Perché molte persone sembrano non “vedere” alcune minacce e prendono decisioni in modo apparentemente superficiale? Perché comportamenti molto pericolosi finiscono per diventare la normalità?


La risposta a queste domande riguarda i meccanismi psicologici e sociali attraverso cui ciascuno di noi, inconsapevolmente, interpreta gli eventi e l’ambiente circostante, stimando, spesso in modo erroneo, le possibili fonti di rischio. Chi opera nell’ambito della sicurezza deve tenere in considerazione che le persone si preoccupano solo dei pericoli che percepiscono e che, pertanto, se un evento non è valutato come una minaccia, esse saranno meno motivate a tutelarsi e ad adottare comportamenti sicuri, rendendo sé stesse e l’organizzazione in cui operano più vulnerabili.


Il corso si propone di fornire un’introduzione alla psicologia della sicurezza e del rischio, per comprendere i fattori cognitivi ed emotivi che influenzano le decisioni e il comportamento umano in relazione alla sicurezza e implementare azioni correttive che possano colmare il gap tra rischio calcolato e rischio percepito.

Contenuti del Corso

  • Il concetto di rischio in psicologia

  • Cervello umano e percezione del rischio

  • La percezione del rischio a livello individuale, sociale e organizzativo

  • Fattori cognitivi, emotivi e sociali che influenzano la percezione del rischio

  • Meccanismi dell’attenzione e problemi percettivi

  • Consapevolezza situazionale

  • Errori e fattore umano: verso un approccio sistemico

  • Sviluppare comportamenti sicuri

  • Sicurezza psicologica e promozione di una cultura della sicurezza

Destinatari

Il Corso è rivolto a professionisti che operano nell’ambito della sicurezza (security e safety), RSPP, RLS, HSE, dirigenti e datori di lavoro, gestione di personale.

Durata del corso e crediti

Il corso ha la durata di 4 ore e consente di conseguire 4 crediti formativi ai fini del mantenimento della certificazione delle figure professionali certificate; propedeutico alla individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per i Responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione, ai sensi dell’articolo 32 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. I responsabili e gli addetti spp riceveranno, inoltre, un attestato di frequenza al corso di aggiornamento, con relativa durata, da Agenzia formativa accreditata, valido ai sensi del d. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Metodologia

Il corso sarà erogato tramite piattaforma e-learning che permetterà lo scambio interattivo tra i partecipanti e i docenti coinvolti, favorendo lo scambio di idee, opinioni ed esperienze. Per partecipare ai corsi FAD non occorrono particolari strumenti: è sufficiente una buona connessione ad internet ed un PC dotato di videocamera; la piattaforma interattiva per la gestione delle lezioni, GoToMeeting, Zoom, Meet e sarà comunicata successivamente e messa a disposizione da ICMQ. Una volta iscritti, riceverete una mail/calendar con il link per la connessione e l’orario. A questo punto, basterà cliccare sul link indicato, scaricare l’applicazione per accedere alla piattaforma e quindi al vostro corso. Materiale didattico fornito in formato elettronico.

Attestato

Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Con una frequenza di almeno il 95% del Corso e il superamento del test finale con un punteggio pari o superiore al 60% di risposte corrette verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Obiettivi didattici

Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di:


•    Identificare i fattori psicologici che influenzano la percezione del rischio
•    Definire le caratteristiche del fattore umano
•    Comprendere la relazione tra percezione e comportamento
•    Rendere più efficace l’adozione di misure di sicurezza e la gestione del rischio

Docenti

Paola GUERRA

Fondatore e Direttore della Scuola Internazionale Etica & Sicurezza Milano - L’Aquila, da 30 anni svolge attività di ricerca, formazione e consulenza sui temi di Governance, Organizzazione e Sistemi di Gestione di Security e Safety, su Risk & Crisis Management, Travel Risk Management oltre che su temi di psicologia cognitiva, psicologia dell’emergenza e people caring. Dal 1992 al 2009 ha svolto attività di ricerca e docenza presso SPACE Università Bocconi ed è stata partner di società di consulenza in ambito Risk Management, Crisis Management, Security e Information Security. Negli ultimi dieci anni ha coordinato progetti di consulenza e formazione per aziende nazionali e internazionali in ambito di Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety e Security) delle trasferte all’estero. Partecipante Gruppi di Lavoro UNI per la redazione e revisione della normazione tecnica nazionale e internazionale: UNI/CT043 – Sicurezza Società e del Cittadino e in particolare UNI/CT043/GL02 – “Gestione del Rischio”, UNI/CT043/GL05 – “Organizzazione e Gestione della Sicurezza”, UNI/CT043/GL06 – “Protezione Civile”. Ha partecipato attivamente alla redazione e alle revisioni della Norma UNI 10459:2017 – Professionista della Security. Membro Gruppo di Lavoro Travel «Health, Safety & Security» in ASSOLOMBARDA. Componente Consiglio direttivo ASIS Chapter Italy.

Luca SARTORI

Consulente per lo sviluppo e il benessere nei contesti organizzativi. Formatosi prima in Italia, Regno Unito, Spagna, Danimarca come Executive Coach, consegue poi la laurea in Psicologia Cognitiva Applicata presso l’Università degli Studi di Padova. Dal 2021 lavora in sinergia con Scuola Internazionale Etica & Sicurezza Milano – L’Aquila con l’obiettivo di promuovere la sicurezza delle persone integrando gli aspetti psicologici individuali con quelli organizzativi. Svolge inoltre attività di consulenza e formazione sui temi della comunicazione e della leadership per team e aziende nazionali e internazionali. 

bottom of page