L’organizzazione degli eventi post-Covid e l’importanza della Sicurezza



Ci stiamo lasciando alle spalle un anno che si è rivelato essere, nella sua complessiva tragicità sanitaria, economica e sociale, estremamente difficile anche per l’ampio e variegato mondo degli eventi e della loro organizzazione.


Con il veloce miglioramento della situazione pandemica, aumenta il desiderio di uscire di casa, incontrare amici, partecipare nuovamente ad eventi, spettacoli, fiere ed esibizioni. La voglia di tornare velocemente ad uno stile di vita sociale pre-pandemia è tanta. La ripartenza degli eventi giocherà in questo contesto un ruolo fondamentale. Gli organizzatori dovranno quindi prepararsi ad una drastica impennata della domanda, una ripresa delle attività senza precedenti. Possiamo aspettarci una vera e propria atmosfera di festa post-pandemia e gli organizzatori eventi dovranno farsi trovare preparati nel cogliere questa grande opportunità.

Le ultime aperture del Governo permetteranno già dal 15 giugno una prima ripartenza di matrimoni, fiere e feste, mentre dal 1° luglio sarà la volta di congressi, convegni e conferenze. Ovviamente con tutti gli accorgimenti e le misure dettate dai protocolli antipandemici.


Certamente gli eventi e la loro organizzazione non saranno più come prima della pandemia; forse saranno migliori, sicuramente saranno differenti. Abbiamo sempre parlato di Security & Safety degli eventi, d’ora in poi occorrerà introdurre un nuovo aspetto e parlare di Security, Safety & Health degli eventi. La novità più visibile sarà ovviamente quella del Covid Manager, ossia del responsabile del rispetto delle norme anti-virus. Si tratta di un referente 'ad hoc' che dovrà verificare, su incarico degli organizzatori, il rispetto di documenti, autorizzazioni e normative. Dai matrimoni ai congressi, ogni evento avrà il suo referente ed avrà l’obbligo di far rispettare i protocolli di settore. Oltre al Covid Manager sarà però consigliabile avere nello staff organizzativo anche una parte Medical, un sanitario sempre disponibile e pronto ad intervenire in caso di bisogno.


È evidente che in questa fase della ripartenza occorra un’attenta pianificazione degli eventi. In questo momento non dobbiamo commettere l’errore di abbassare la guardia. Il virus è ancora presente ed è bene non sottovalutarlo. I protocolli sono tanti e complessi, il loro rispetto non può essere lasciato al caso ma deve essere affidato a personale qualificato e preparato. La prevenzione giocherà anche in questa circostanza un ruolo fondamentale nella mitigazione dei rischi. Sarà quindi importante valorizzare ancora di più la sinergia e collaborazione tra pubblico e privato, in modo che la ripartenza del mondo degli eventi, fondamentale per contribuire a ridare fiducia e speranza al Paese, possa avvenire nel miglior modo possibile.

42 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti